Sei in » Politica
15/09/2016 | 16:36

La banda musicale di Squinzano ha incontrato il Governatore Michele Emiliano alla Fiera del Levante di Bari per discutere sulla nuova normativa relativa alla disoccupazione per i lavoratori stagionali. E alla fine suonano l'inno di Mameli.


I musicisti della banda di Squinzano e il Governatore Emiliano (ph www.ansa.it)


Bari. Alla fine, dopo la rassicurazione data dal governatore pugliese in persona, c’è stato anche un momento musicale. Ma procediamo con ordine nel racconto dei fatti. Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha infatti incontrato oggi – in Fiera del Levante, a Bari – alcuni musicisti di una banda di Squinzano preoccupati per le modifiche alla normativa sulla disoccupazione per i lavoratori stagionali. Emiliano – si legge in una nota tratta dall’ANSA – ha assicurato loro che cercherà "di parlare con il ministro del Lavoro, Poletti". Pare che "una cinquantina di bande pugliesi sono in pericolo" a causa della riduzione della copertura del periodo di disoccupazione da sei a tre mesi. Il che comporterebbe l’aggravio di una situazione finanziaria di per sé già abbastanza problematica. Le scarse circostanze occupazionali, unite a questa crisi economica che stenta a terminare, purtroppo determinano ansia, incertezze e soprattutto preoccupazioni per il futuro.

In buona sostanza, Emiliano – al quale i musicisti avevano già chiesto aiuto attraverso Facebook – ha sottolineato che le modifiche delle normative da parte del Ministero del Lavoro “hanno ridotto il periodo di disoccupazione che viene, per tutti gli stagionali, pagato anche alla fine del periodo lavorativo".

Dopodiché – alla presenza dei giornalisti che partecipavano a una conferenza stampa al termine della quale sono arrivati i musicisti – la banda ha deciso di suonare l'inno di Mameli. Sicuramente, un bellissimo gesto, eseguito peraltro alla perfezione.

La speranza, adesso, è che questi lavoratori ottengano quanto delle risposte concrete non appena il numero uno di via Capruzzi discuterà della situazione col Ministro competente. 




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |